mordillo, fumetti, cartoon, artista grafico argentina, gastronomia, asado, ricette, cucina, pasteles, empanadas polo, sport, argentina, cavalli, maza, coronel suarez, santa ana, las tortugas treno alle nuvole, salta, jujuy, nord argentino, montagne, bolivia iguazu, cascate, argentina, brasile, unesco, mervaiglie del mondo, parchi nazionali tango, ballo, argentina, musica jujuy, argentina, valles calchaquies, purmamarca, cerro 7 colores, humahuaca chubut, patagonia, argentina, pensinsula valdes, balene, foche, elefanti marini, otarie, pinguini locro, gastronomia, argentina, cibi, ricette, cucina catamarca, argentina, nordovest, montagne

Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ Seguimi in Stumbleupon Seguimi in Instagram Seguimi in FlickR Sottoscrivi il feed

mercoledì 13 agosto 2014

Le rovine Quilmes sono i resti del più grande insediamento precolombiano.

Migliaia di sentinelle dalle molteplici braccia sorvegliano le vie e i sentieri di una città in cui visse la tribù dei Quilmes. Siamo in provincia di Tucumán, nei Valles Calchaquìes. In questo luogo si stabilirono, nell’ 800 d.C.,  i Quilmes diventando così uno dei più importanti insediamenti preispanici degli indiani Calchaquies. Nel XVII secolo la popolazione raggiunse i 3000 abitanti nella zona urbana e 10000 nei dintorni.

In un postazione strategica sul Cerro Alto del Rey a 1850 m sorgeva la cittadella. Due fortezze su entrambe le creste montuose a nord e a sud che permettevano di controllare tutta la vallata. Più di 100 unità abitative. Costruzioni circolari adibite a depositi, ad uso macinature. Verso sud una zona dove sorgeva la diga in pietra usata per l’irrigazione dei settori coltivati sui terrazzi.

RuinasdeQuilmes6

Ben organizzati dal punto di vista sociale ed economico, i Quilmes riuscirono a resistere, grazie anche alla loro situazione strategica, alla dominazione spagnola. Tuttavia i conquistatori ebbero la meglio quando isolarono i Quilmes dalle loro coltivazioni e dalle loro fonti d’acqua.

Ridotte in catene le ultime 260 famiglie quilmes furono deportate in una lunga camminata disumana fino alle terre del sud della provincia di Buenos Aires che oggi portano il nome Quilmes. Le donne tuttavia si rifiutarono ad essere sottomesse dagli spagnoli e preferirono gettarsi nel vuoto con i loro figli.

ruinas indios quilmesRuinas_QuilmesRuinas_Quilmes1Ruinas_Quilmes2Ruinas_Quilmes-apachetaRuinas-Los-Quilmes-Tucumán.jpg

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!!

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Ultimi articoli pubblicati

Recent Posts Widget

Post più popolari

Etichette

Argentina Tour in Facebook

Ultimi posts pubblicati

Argentina Tour in Pinterest

Donazione

Mi Ping en TotalPing.com