mordillo, fumetti, cartoon, artista grafico argentina, gastronomia, asado, ricette, cucina, pasteles, empanadas polo, sport, argentina, cavalli, maza, coronel suarez, santa ana, las tortugas treno alle nuvole, salta, jujuy, nord argentino, montagne, bolivia iguazu, cascate, argentina, brasile, unesco, mervaiglie del mondo, parchi nazionali tango, ballo, argentina, musica jujuy, argentina, valles calchaquies, purmamarca, cerro 7 colores, humahuaca chubut, patagonia, argentina, pensinsula valdes, balene, foche, elefanti marini, otarie, pinguini locro, gastronomia, argentina, cibi, ricette, cucina catamarca, argentina, nordovest, montagne

Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ Seguimi in Stumbleupon Seguimi in Instagram Seguimi in FlickR Sottoscrivi il feed

lunedì 25 luglio 2016

Perdita di biodiversità, più di metà degli ecosistemi è compromesso.

Secondo la Fao ogni anno vengono mediamente distrutti nel mondo ben 13 milioni di ettari di foreste (una superficie grande praticamente quanto tutta la Grecia), mentre la varietà delle piante e delle colture continua a ridursi inesorabilmente.agricoltura brianza.

Nei soli Stati Uniti d’America, per esempio, all’inizio del secolo scorso esistevano circa 2500 varietà di pere, coltivate oggi in appena due varietà, che alimentano oltre il 95% del mercato.

Svariate ricerche registrano come negli ultimi decenni sia aumentata in maniera vertiginosa la velocità con cui si estinguono specie vegetali ed animali, dovuta nella massima parte dei casi all’attività umana: deforestazione, urbanizzazione, agricoltura intensiva basata su grandi coltivazioni monocolturali, introduzione di specie geneticamente modificate che distruggono la naturale varietà delle specie autoctone, inquinamento, uso di pesticidi e fertilizzanti e così via.

Negli ultimi 400 anni si stima che siano scomparse, infatti, oltre 650 specie di piante.

foreste-11-775x1024

Dati allarmanti che ci pongono di fronte a seri interrogativi, che abbiamo posto a Carlo Fadda, ricercatore senior presso la Bioversity International di Nairobi nonché promotore di numerosi progetti nel campo dello sviluppo e della cooperazione internazionale legati alla salvaguardia della biodiversità agricola, a margine del quinto Forum internazionale su alimentazione e nutrizione promosso da Barilla Center for Food and Nutrition (Bcfn).

Leggi anche: Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e delle dolcezze tipicamente argentini: l’asado e il mate.

Perché oggi è così importante proteggere la biodiversità?

Perché è in gioco la nostra stessa sopravvivenza. Dipendiamo dalla natura per risorse fondamentali quali cibo, principi attivi per le medicine, materie prime per costruire o produrre energia. In natura ogni specie animale o vegetale, indipendentemente da quanto sia piccola o grande, ha una sua specifica funzione che contribuisce a garantire l’equilibrio dell’ecosistema terrestre. Pensiamo, per esempio, alle api che attraverso l’impollinazione svolgono un’importantissima funzione di fertilizzazione.

Alcuni studi stimano che oltre un terzo degli alimenti umani verrebbe meno se sparissero impollinatori naturali come le api le vespe, le farfalle e altri insetti. Ecosistemi in salute, nei quali viene garantita la naturale varietà di animali e piante autoctone, sono ecosistemi che meglio reagiscono e resistono ai fenomeni atmosferici, meno vulnerabili pertanto ai cambiamenti climatici e a disastri naturali quali uragani, inondazioni, siccità e alle altre fonti di stress provocate dall’uomo e dall’inquinamento di cui è portatore. Una tematica che oggi, specialmente nei paesi più poveri, è di vitale importanza….

formosa8

Ogni anno circa il 30% dei raccolti nel mondo va perduto a causa di parassiti e malattie e l’utilizzo di colture geneticamente omogenee su grandi estensioni di terreno può causare la comparsa proprio di nuovi ceppi di malattie e parassiti. Per correre ai ripari nei paesi industrializzati si fa uso massiccio di pesticidi, notoriamente dannosi sia per l’uomo che per l’ambiente, solitamente non accessibili invece ai piccoli coltivatori dei paesi poveri. Una risposta alternativa al problema può darla proprio la salvaguardia della biodiversità agraria, capace di svolgere funzione di antiparassitario naturale. È stato dimostrato che l’utilizzo di diverse varietà di una stessa coltura riduce di molto le possibilità, per quella coltura, di essere attaccata da parassiti.

Qual è la strada da percorrere per non peggiorare ulteriormente la già precaria situazione in cui ci troviamo?

Bisogna innanzitutto partire dall’avere ben chiaro una cosa: l’agricoltura moderna è vulnerabile a causa della bassa diversità genetica delle colture. Chiarito questo, bisogna investire in ricerca e tecnologie che riducano, per esempio, l’uso dei fertilizzanti e ridiano all’agricoltura la sua naturale capacità di sopravvivenza e adattamento ai cambiamenti climatici. Questo lo si fa preservando innanzitutto colture e piante autoctone a scapito delle grandi estensioni di monoculture che sempre più negli ultimi decenni hanno preso il sopravvento nel mondo. Ovviamente risulta poi molto importante portare avanti una profonda opera di sensibilizzazione sia al livello dei governi che dei singoli cittadini, puntando innanzitutto sulle nuove generazioni.

Cosa può fare in concreto ciascuno di noi per contribuire alla salvaguardia della biodiversità?

Si potrebbe cominciare col ridurre gli sprechi d’acqua e di energia nel nostro quotidiano e preferendo sempre un’alimentazione a base di prodotti di stagione. Fondamentale sarebbe inoltre una partecipazione più attiva di ciascuno di noi nell’opera di sensibilizzazione degli altri nei confronti delle tematiche ambientali”.

Perdita di biodiversità, più di metà degli ecosistemi è compromesso

La biodiversità di animali e piante è crollata a livelli di allerta su più della metà delle terre emerse. La distruzione degli habitat naturali è talmente estesa che gli ecosistemi interessati potrebbero perdere le più basilari capacità di funzionamento. Una perdita di biodiversità così estesa, oltre a rappresentare un chiaro danno per l’ambiente, potrebbe avere ricadute negative importanti per la salute dell’uomo e per l’economia.

Sono le conclusioni di uno studio pubblicato ieri sulla rivista Science, nel quale gli scienziati forniscono la valutazione più completa sulla perdita di biodiversità su scala globale ad oggi disponibile. E il messaggio di fondo è chiaro: abbiamo oltrepassato il limite. La ricerca si basa sull’analisi di 2,4 mln di dati per circa 40mila specie raccolti su un campione di quasi 20mila siti sparsi su tutta la Terra.

Nel 58% dei casi (dove vive il 71% della popolazione mondiale) gli scienziati hanno osservato che la corruzione degli ecosistemi è ormai al di sotto del limite di sicurezza. I sistemi naturali più colpiti si trovano negli Stati Uniti, in Argentina, in Sudafrica e nell’Asia centrale.

Perdita di biodiversità, più di metà degli ecosistemi è compromesso

L’anno scorso un gruppo di esperti aveva proposto di identificare come ecosistemi gravemente compromessi quelli dove si è verificata una perdita di biodiversità superiore al 10%. “Stiamo giocando con una roulette ecologica”, sintetizza il professorAndy Purvis del Natural History Museum e uno degli autori della ricerca.

In ballo quindi non c’è soltanto la possibile estinzione di specie animali e vegetali. Anche la qualità della vita dell’uomo, e in particolare gli sforzi per mettere in campo modelli di sviluppo sostenibile nel lungo termine, sono messi a repentaglio da questa situazione. Certo disponiamo di soluzioni tecnologiche per replicare alcune funzioni svolte dalla natura – ad esempio gli impollinatori, sempre meno a causa della progressiva scomparsa delle api per l’inquinamento atmosferico e l’uso di pesticidi – ma non possiamo compensare adeguatamente una forte perdita di biodiversità.

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

 
rss-icon-feed_thumb2_thumb
0

L’Argentina è cresciuta come un Paese aperto all’immigrazione.

L’Argentina è cresciuta come un Paese aperto all’immigrazione, configurando lungo circa un secolo una società con un’ampia ricchezza e diversità culturale.

Infatti, dalla metà del XIX secolo fino alla metà del XX secolo ricevette un’importante ondata d’immigranti europei, principalmente spagnoli e italiani, ai quali si aggiunsero gruppi meno numerosi provenienti da altri paesi.

Le ultime correnti migratorie, intanto, arrivano soprattuto attualmente dai Paesi limitrofi e, in numero ancor minore, da Oriente e dall’Africa.

D’altronde, i popoli originari, radunati in diverse comunità, mantengono vive le loro tradizioni ancestrali.

Grazie all’ampiezza del suo territorio e alla varietà della sua geografia, l’Argentina vanta una biodiversità ed una molteplicità di climi e topografie che fanno di essa una meta turistica unica al mondo.
aconcagua2
I monti e le valli nel Norovest, le cascate e foreste nella Mesopotamia, le favolose vigne e fiumi della Regione di Cuyo e i paesaggi indescrivibili della Patagonia, conformano l’immenso patrimonio naturale argentino, enormemente apprezzato da visitatori di tutto il mondo.
aconcagua7
Tra le ricchezze naturali sono da sottolineare le Cascate del Iguazú, dichiarate dalla UNESCO Patrimonio Naturale dell’Umanità e scelte dalla fondazione svizzera New 7 Wonders tra le sette meraviglie della natura del mondo; l’Acquifero Guaraní, codiviso con Brasile, Paraguay e Uruguay, è uno dei più grandi serbatoi d’acqua dolce del mondo; il Monte Aconcagua, con i suoi 6.959 metros è la cima più elevata dell’emisfero occidentale; ed il Ghiacciaio Perito Moreno è uno dei più maestosi del mondo, dichiarato anch’esso Patrimonio Naturale dell’Umanità dall’UNESCO.



buenos aires centro
I visitatori, inoltre, possono conoscere una delle città più attraenti della regione: la Città di Buenos Aires- Essa, infatti, dispone di un’ampia offerta culturale e ricreativa durante tutto l’anno le ventiquattro ore del giorno: il Teatro Colón e i piccoli teatri esperimentali, le librerie antiche e i nuovi centri culturali, gli oltre 100 musei e le gallerie d’arte, le enormi fiere artiganali e i moderni centri commerciali, i bar storici, gli spazi per ballare tango e milonga, le discoteche e i locali con musica internazionale, i ristoranti di tutti i tipi, i casinò e le appassionanti partite di calcio, convivono in questa grande metropoli che accoglie ogni anno la visita di milioni di turisti di tutto il mondo.
mapa-arg
Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

rss-icon-feed_thumb2
0

Ultimi articoli pubblicati

Recent Posts Widget

Post più popolari

Etichette

Argentina Tour in Facebook

Ultimi posts pubblicati

Argentina Tour in Pinterest

I miei preferiti in Instagram

Donazione

Mi Ping en TotalPing.com