mordillo, fumetti, cartoon, artista grafico argentina, gastronomia, asado, ricette, cucina, pasteles, empanadas polo, sport, argentina, cavalli, maza, coronel suarez, santa ana, las tortugas treno alle nuvole, salta, jujuy, nord argentino, montagne, bolivia iguazu, cascate, argentina, brasile, unesco, mervaiglie del mondo, parchi nazionali tango, ballo, argentina, musica jujuy, argentina, valles calchaquies, purmamarca, cerro 7 colores, humahuaca chubut, patagonia, argentina, pensinsula valdes, balene, foche, elefanti marini, otarie, pinguini locro, gastronomia, argentina, cibi, ricette, cucina catamarca, argentina, nordovest, montagne

Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ Seguimi in Stumbleupon Seguimi in Instagram Seguimi in FlickR Sottoscrivi il feed

mercoledì 19 settembre 2018

Le empanadas sono un pietanza tipica argentina, ma sono diffuse in tutta l'America Latina.

Le empanadas sono un piatto tipico della cucina argentina.

Sono dei fagottini di pasta che possono essere farciti con ripieni sia dolci che salati.

Nella nostra versione abbiamo utilizzato carne di vitello macinata, pomodori, cipolle e patate. Per una variante ancora più ricca potete sostituire il macinato con della salsiccia o mescolare la carne di vitello a quella di maiale.

La parola empanar in castigliano significa letteralmente racchiudere in una pasta di pane e tradizionalmente la cottura di questo piatto veniva fatta al forno. 

Sono altrettanto comuni versioni piccanti che aggiungono peperoncino verde jalapeño, paprika o pepe.

Le empanadas sono un piatto tipico della cucina argentina.



La ricetta.


Questi fagottini possono essere cotti in abbondante olio di semi o al forno per rendere relativamente più dietetica la preparazione.

Ingredienti.

ingredients-green-metallic24x24per 4 persone
Farina di mais 250 g
Vitello (tritato) 250 g
Patate piccole 2
Cipolle grande 1
Pomodori 2
Acqua 250 ml
Olio di semi: anto basta
Uova: Quanto basta

Leggi anche: Il menù argentino di Pasqua, scopri come preparare deliziose ricette sfiziose!


Preparazione.

preparacion-green-metallic-24x2460’
  • Sbucciate la cipolla, tagliatela in due parti e poi in pezzi molto piccoli.
  • Lavate il pomodoro e ricavatene una dadolata.
  • In una casseruola fate soffriggere la cipolla con poco olio, una volta dorata aggiungete il pomodoro e lasciate cuocere per qualche minuto.
  • Aggiungete la carne tritata e mescolate per 10 minuti o fino a farla rosolare.
  • Lavate le patate, sbucciatele e tagliatele a cubetti molto piccoli, rosolatele in una padella antiaderente con poco olio.
  • Unite le patate alla carne e lasciate raffreddare.


    Cottura.

    • In una ciotola capiente mescolate la farina e l'acqua fino a ottenere un impasto omogeneo.
    • Stendete l'impasto fino a formare una sfoglia di 3 - 5 mm ricavatene dei dischi di 8 cm di diametro.
    • Riempiteli con la carne e chiudeteli piegando i bordi delle empanadas su se stessi.
    • Preriscaldate forno a 180 °C, disponete i fagottini su una placca rivestiva con carta da forno.
    • Sbattete velocemente le uova in una terrina e spennellate la superficie delle empanadas uniformemente. Lasciate cucinare per 15 minuti o fino a doratura.

    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    giovedì 21 giugno 2018

    Palermo nella zona nord-est della città è il quartiere più esteso della città di Buenos Aires.

    Palermo è un barrio di Buenos Aires, capitale dell'Argentina.

    Sorge nella zona nord-est della città e confina a nord con Belgrano, a est con il Rio de la Plata, a sud con Recoleta e Almagro e ad ovest con Villa Crespo e Colegiales.

    Con una superficie di 15.4 km² è il quartiere più esteso di tutta la città. È composto principalmente da edifici residenziali, che sono stati sempre più negli ultimi dieci anni.

    Ospita il grande Parque Tres de Febrero, con il Planetario Galileo Galilei.
    Palermo è il quartiere più esteso della città di Buenos Aires.


    Origini.

    Il nome del quartiere deriva da un convento non più esistente dedicato a San Benedetto da San Fratello, conosciuto anche come San Benedetto da Palermo.

    Piazza Garibaldi con il monumento a Giuseppe Garibaldi.

    Quartieri.

    Palermo può essere suddiviso in ulteriori sotto-quartieri:



    Palermo Soho
    Palermo Hollywood
    Palermo Chico e Barrio Parque
    Las Cañitas

    Alto Palermo e Villa Freud: Alto Palermo è il centro di Palermo, la principale zona commerciale e dei trasporti intorno a Santa Fe Avenue.

    Al centro c'è l'Alto Palermo Shopping Centre, un grande centro commerciale. Villa Freud, zona intorno a Plaza Güemes, è una zona residenziale, nota per la sua alta concentrazione di psicoanalisti e psichiatri, e quindi il suo nome.
    Laghetto di Palermo.

    Palermo Viejo: Palermo Viejo (Palermo Antico) è, come il suo nome implica, la parte più antica. È delimitata da Avenida Santa Fé, Avenida Córdoba, Avenida Dorrego a Avenida Coronel Díaz.
    Palermo nella zona nord-est della città è il quartiere più esteso della città di Buenos Aires.Twitta
    Il quartiere è costruito intorno a Plaza Palermo Viejo; riporta elementi architettonici del vecchio stile spagnolo mischiato con quelli della modernità.

    Il Planetario Galileo Galilei.

    Trasporto pubblico.

    Leggi anche: San Telmo è il quartiere di Buenos Aires che meglio ha conservato l'antico aspetto coloniale.
    Il quartiere è servito da diverse stazioni della metropolitana di Buenos Aires con la linea D entro i confini viali Palermo e Santa Fe e Cabildo: Bulnes, Scalabrini Ortiz, Plaza Italia, Palermo, Ministro Carranza, e Olleros
    2

    San Telmo è il quartiere di Buenos Aires che meglio ha conservato l'antico aspetto coloniale.

    San Telmo è un barrio di Buenos Aires, capitale dell'Argentina.

    È il quartiere più storico della città e quello che meglio ha conservato l'antico aspetto coloniale.

    San Telmo confina a nord, lungo Chile, con Monserrat, ad est, lungo Avenida Ing. Huergo con Puerto Madero, a sud, lungo Brasil, Avenida Paseo Colón, Avenida Martín García, con La Boca, a sud ovest, lungo Defensa e Avenida Caseros, con Constitución.
    San Telmo è il quartiere di Buenos Aires che meglio ha conservato l'antico aspetto coloniale.


    Origini di San Telmo.

    L'origine di San Telmo risale al XVII secolo, quando fu popolato da portuali e marinai che, nel 1734, eressero la chiesa di San Pedro Telmo, che diede poi il nome a tutto il quartiere.



    Successivamente fu abitato dalle famiglie più benestanti della città fino al 1871, quando una grave epidemia di febbre gialla funestò Buenos Aires.

    Cercando un riparo dall'epidemia e un ambiente meno malsano i borghesi abbandonarono in massa San Telmo e s'insediarono nelle aree sopraelevate di Retiro e Recoleta.

    Le grandi dimore patrizie, rimaste vuote, vennero così affittate ai numerosi migranti che sul finire del XIX secolo iniziavano ad arrivare in massa a Buenos Aires. Così da quartiere della buona borghesia, San Telmo si ritrovò ad essere una delle zone più sovraffollate, povere e sporche della città.
    La Feria di San Telmo è uno dei principali eventi culturali della capitale argentina.


    La Feria di San Telmo.

    La decadenza di San Telmo non si arrestò nemmeno nel XX secolo, tanto che nel 1957 l'architetto Antonio Bonet avanzò la proposta demolire i vecchi caseggiati coloniali e di costruire al loro posto una serie di blocchi residenziali.
    Leggi anche: Palermo nella zona nord-est della città è il quartiere più esteso della città di Buenos Aires.

    Segnali di ripresa.

    Nel 1970 si ebbe un primo segnale di ripresa, quando il direttore del Museo della Città, ebbe l'idea di rivitalizzare San Telmo con un mercatino dell'antiquariato che già l'anno seguente si sarebbe affermato come uno dei principali eventi culturali della capitale argentina: la Feria di San Telmo.
    San Telmo è  il quartiere storico di Buenos Aires, famoso per il mercato domenicale dove si trova di tutto, dai souvenir ad oggetti di artigianato, molto carini ed originali.

    Nel 1978, durante l'epoca della dittatura militare argentina, l'intendente Osvaldo Cacciatore diede il via ad una serie di sventramenti del quartiere per poter allargare le avenida Independencia, San Juan e Juan de Garay e per la costruzione dell'autostrada sopraelevata 25 de Mayo.
    Piazza Doreego è il centro del barrio di San Telmo ed è una delle piazze più turistiche della città.

    Monumenti e luoghi d'interesse.

    San Telmo ospita alcune delle principali attrazioni turistiche di Buenos Aires che lo rendono uno dei quartieri più popolari e amati dai turisti.
    San Telmo è il quartiere di Buenos Aires che meglio ha conservato l'antico aspetto coloniale.Twitta
    I principali luoghi d'interesse sono la chiesa di San Pedro Telmo che dà il nome al quartiere, la caratteristica plaza Dorrego, la chiesa ortodossa della Santissima Trinità, il mercato di San Telmo, il Museo storico nazionale dell'Argentina ed il Museo d'arte moderna di Buenos Aires.
    Monumento a Mafalda, la bimba ribelle e cocciuta ideata da Quino e conosciuta in tutto il mondo.

    Sport.

    Il principale sodalizio sportivo del barrio è il Club Atlético San Telmo, che disputa le sue partite interne presso lo stadio Osvaldo Baletto, situato nel quartiere di Isla Maciel, nel partido di Avellaneda, provincia di Buenos Aires.
    Il Club Atlético San Telmo, meglio noto come San Telmo, milita nella Primera B Metropolitana e gioca le partite casalinghe allo stadio Osvaldo Baletto.

    2

    giovedì 24 maggio 2018

    Pronti per la nuova privacy? Ecco la guida agli adempimenti per la GDPR e direttiva del Garante.

    Le seguenti informazioni sono a beneficio dei lettori che possono scegliere di navigare le pagine del sito, di prendere delle precauzioni per consultarne i contenuti o di lasciarlo. Le disposizioni del Garante della Privacy che fanno seguito a una Direttiva Europea e il successivo regolamento GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation, emanato dalla Unione Europea il 27 Aprile del 2016, impongono agli amministratori di un sito web una serie di regole per avere il consenso dei lettori al trattamento dei loro dati.

    Per facilitare la consultazione da parte dei lettori di tutte le informazioni, è stato creato un indice per giungere più rapidamente al punto che interessa. Per tornare all'indice basterà andare sulla freccia sinistra del browser.

    INDICE GENERALE DELLA POLITICA DELLA PRIVACY DEL SITO.

    RESPONSABILE DEL SITO IDEE PER COMPUTER ED INTERNET.

    L'amministratore di questo sito è Marisa belén Repetto che può essere contattato a questo indirizzo email argentinatour1981@gmail.com per qualsiasi problema inerente alla privacy del lettore. In linea di massima questo sito non detiene nessun dato personale dei lettori a meno che non interagiscano inviando messaggi con il modulo di contatto o che si registrino alla newsletter. Chi lo avesse fatto può recedere direttamente o chiedere al proprietario del sito se non ci riuscisse.

    COSA SONO I COOKIE E A COSA SERVONO

    I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva. Possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito, senza digitare ogni volta nome e password, e per memorizzare le sue preferenze.



    I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.
    I cookie sono detti tecnici se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito.

    COOKIE DI PROFILAZIONE.

    I cookie vengono definiti di profilazione se utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente,per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Se vi è capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet, la ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server, indirizzati opportunamente dai cookie, vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.

    Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consensoe dopo essere stato informato in modo semplificato.

    BANNER DELLA INFORMATIVA BREVE.

    Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web, deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa,come quella in questa pagina, su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito.
    Leggi anche: Politica dei cookie di questo sito in ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy.
    Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click. Deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.

    È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente, in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito. Invece nella informativa estesa (questa stessa pagina), si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente, le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.

    COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO.

    In questo sito vengono utilizzati i seguenti cookie:

    1) Cookie propri del sito - www.ideepercomputeredinternet.com usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall'utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che il browser invia. La piattaforma Blogger utilizza altri cookie che ricadono nella trattazione più ampia dei cookie di Google.

    2) Cookie di Google Adsense - Per migliorare l'esperienza utente e offrire annunci più pertinenti, Adsense, la piattaforma pubblicitaria di Google utilizza dei cookie con diverse tipologie che l'utente potrà o meno accettare, configurando le impostazioni del proprio account Google. Maggiori informazioni si possono trovare nella pagina di Google. La possibilità di disattivazione degli annunci personalizzati sarà illustrata nella sezione più sotto su Pubblicità e personalizzazione degli annunci.

    3) Cookie di Facebook - Questo sito ha implementato dei plugin di Facebook che permettono al social network di avere informazioni sui navigatori. Maggiori info si trovano nella pagina dei cookie di Facebook.

    4) Cookie di Google+ - Lo script plusone.js di Google+può trattare i dati personali secondo le linee guida della Privacy Policy comune a tutti i servizi di Google.

    5) Twitter - anche Twitter può trattare i dati personali secondo le linee guida della sua Privacy Policy

    6) Pinterest - anche Pinterest può trattare i dati personali secondo le linee guida della sua Privacy policy

    7) Linkedin - anche Linkedin può trattare i dati personali secondo le linee guida della suaCookie Policy

    8) Instagram - anche Instagram può trattare i dati personali secondo le linee guida della sua Cookie Policy.

    GOOGLE ANALYTICS E ANONIMIZZAZIONE DEI DATI.

    Questo sito utilizza Google Analytics e i suoi cookie che sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati.  Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo le linee guida degli altri servizi.



    Nella proprietà di GA relativa a questo sito è stata impostata una durata di 14 mesi per il mantenimento della archiviazione dei dati, che comunque sono stati anonimizzati e aggregati ai soli fini statistici. Google Analytics può essere disattivata con un componente aggiuntivodisponibile per Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Opera. Viene disattivato lo script che rileva le visite.

    CANCELLAZIONE DEI COOKIE.

    I browser permettono una cancellazione dei cookie generalizzata, o specifica per ogni dominio che sia stato visitato non in modalità riservata. Si può seguire questa guida per cancellare i cookie dai vari browser.

    NAVIGAZIONE ANONIMA.

    Tutti i browser consentono la Navigazione Anonima o In Incognito o in Private Browsing.
    1. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox, in inglese.
    2. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome, in inglese
    3. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer, in inglese
    4. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari , in inglese
    5. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera, in inglese.

    COSA È IL GDPR.

    Il 25 Maggio 2018 entra in vigore il GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation, emanato dalla Unione Europea il 27 Aprile del 2016 e valido per tutti i soggetti dell'Unione o che operano nella UE senza bisogna di alcuna ratifica da parte dei singoli stati.

    Il GDPR è uno strumento legislativo che serve per uniformare la normativa privacy a livello europeo e sostituisce il decreto legislativo 196/2003. I soggetti tenuti ad adeguarsi sono i seguenti:
    1. Aziende e organizzazioni con base operativa in uno stato della UE
    2. Aziende e organizzazioni che operano in paese terzo ma che hanno clienti della UE.
    L'obiettivo è quello di accrescere il livello di fiducia degli europei nei confronti di tutti i soggetti, privati o pubblici, che lavorano quotidianamente con le loro informazioni personali, sensibili o riservate. Le eventuali multe ai trasgressori per la non conformità al GDPR non saranno immediate. Si inizierà con un avvertimento, poi con un rimprovero, quindi con una sospensione dell'elaborazione dei dati, e in caso di violazione continuata della norma, solo allora potrebbero arrivare le multe.

    Il primo obbligo è quello di dotarsi di una Privacy Policy, ovvero di un documento che illustra in che modo vengono trattati i dati privati. Queste informazioni devono essere aggiornate e contenere:
    1. la finalità del trattamento dei dati
    2. la modalità di questo trattamento
    3. i soggetti di terze parti che archiviano, controllano e usano questi dati tramite applicazioni o tecnologie installate nei siti come possono essere Google, Facebook e altri player del settore
    4. i diritti del navigatore
    5. Le generalità del titolare del trattamento dei dati ovvero l'amministratore del sito.
    Ci deve essere una base giuridica per il trattamento dei dati personali e la presenza di un consenso dato dall'utente a una o più finalità di questo trattamento dei dati.

    PRIVACY DI GOOGLE E DI FACEBOOK.

    Google è il più grande player internet con Facebook e insieme sono i maggiori depositari del trattamento dei dati degli utenti che visitano i vari siti. Google ha pubblicato una guida molte estesa e dettagliata sulla sua Policy Privacy e una sua versione aggiornata in funzione del GDPR. La gestione della nostra privacy si effettua principalmente accedendo al nostroaccount personale su Google. Segnatamente nella sezione Privacy, possiamo controllare quello che Google conosce sul nostro conto e il registro delle nostre attività.

    In Gestione Attività possiamo scegliere le attività che possono essere salvate nel nostro account Google. Può essere salvata o meno la Cronologia della navigazione su Chrome e sui siti e le app che ne utilizzano servizi. Si clicca su 1) Gestisci Cronologia per prendere visione dell'attività su Chrome, Android o altro dispositivo. Si clicca su Cambia impostazione e si sposta il cursore per impedire a Google di tenere nota della nostra attività.
    Pronti per la nuova privacy? Ecco la guida agli adempimenti per la GDPR e direttiva del Garante.Twitta
    Visualizzando l'area de 2) La mia attività si può visualizzare l'attività recente e eventualmente eliminarla. Ci sono dei cursori o controlli On/Off per gestire la cronologia delle posizioni, le attività web e app, la cronologia delle ricerche YouTube e altro ancora, su tutti i dispositivi su cui ci siamo loggati con il nostro account.

    In questo contesto è particolarmente rilevante il Controllo della Privacy. Si va su Inizia ora per personalizzare la nostra esperienza su Google. La prima schermata riguarda le Attività Web e App e si visualizzerà l'informazione se questa impostazione sia attiva o meno. Google memorizza le ricerche e altre attività svolte da loggati. Memorizza pure attività quali le app che si utilizzano, la cronologia di Chrome e i siti visitati sul Web. Questa impostazione consente a Google di dare più velocemente i risultati completando automaticamente le ricerche, nonché di offrire esperienze più efficienti in Maps, nell'assistente e in altri servizi Google.

    Si possono avere informazioni più dettagliate dalla pagina di istruzioni sulla Attività di ricerca. Per modificare le impostazioni si clicca su Gestisci l'attività Web e App -> Cambia impostazione.
    Le norme seguite da Facebook in relazione alla tutela della privacy sono sintetizzate nella pagina dedicata a GDPR. I principi a cui si ispira Facebook sono quelli di trasparenza, controllo e affidabilità.

    PUBBLICITÀ E PERSONALIZZAZIONE DEGLI ANNUNCI ADSENSE.

    In questo sito vengono mostrati gli annunci della piattaforma Google Adsense. Con questa piattaforma si possono gestire o disattivare gli annunci con lo strumento Impostazioni Annunci e Disattiva Annunci. Si apre la pagina Personalizzazione degli annunci, per controllare le informazioni utilizzate da Google per mostrarciannunci più pertinenti quando si naviga per esempio sulla Ricerca Google o su Youtube. Possiamo mettere o meno la spunta su Utilizza anche i dati e l'attività dell'account Google, per personalizzare gli annuncinei siti web e nelle app che lavorano come collaboratori esterni di Google.

    Più in basso ci viene mostrato un elenco degli argomenti che ci potrebbero interessare. Se ne troviamo qualcuno che invece non incontra i nostri gusti, clicchiamo sulla crocetta per inserirlo nella sezione Argomenti che non interessano. Ancora più in basso, viene mostrato il nostro profilo, ovvero sesso e fascia di età. Si possono visualizzare annunci personalizzatisecondo le nostre preferenze anche quando non siamo loggati con Google, con un apposito plugin per Chrome, per Firefox e per Internet Explorer.

    Google è solo una delle più di 100 reti pubblicitarie  che mostrano annunci personalizzati. Si può disattivare la personalizzazione degli annunci  di Google o di qualsiasi altra rete pubblicitaria nella pagina Le tue scelte. Si possono attivare gli annunci personalizzati per tutte le società oppure farlo singolarmente con i controlli On/Off. Nei prossimi mesi Google renderà più semplici e comprensibili queste opzioni e, a partire dal 25 Maggio 2018, entrerà in vigore una nuova Politica di consenso degli utenti appartenenti alla UE.

    COMMENTI SUL SITO.

    Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta. Verrà inserito sopra al modulo dei commenti un link che riporta a questa sezione della Policy Privacy.
    Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. Per una eliminazione definitiva possono rivolgersi all'amministratore del sito. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

    MODULO DI CONTATTO.

    Chi apre la pagina del modulo di contatto per scrivere un commento, salverà nel proprio browser username, indirizzo email e indirizzo del proprio sito web di riferimento. Questo serve per compilare automaticamente il modulo nelle occasioni successive. Per gestire i contatti con i lettori, utilizzo il servizio 123ContactForm.

    I lettori che apriranno la pagina del form, potranno consultare la pagina della Privacy di 123ContactForm. I dati di chi invia messaggi, vengono conservati nel mio account su tale servizio. A richiesta di chi ha inviato il messaggio, posso cancellarne tutti i dati che riguardano nome utente, indirizzo email, URL del sito e corpo del messaggio.

    NEWSLETTER.

    I lettori di questo sito possono iscriversi alla Newsletter inserendo il loro indirizzo emailnell'apposito modulo inserito nel footer del sito. L'indirizzo di posta elettronica rimarrà nei server di Feedburner di Google.



    I lettori potranno verificare il proprio indirizzo email e potranno cancellarsi dalla newsletter in qualunque momento cliccando sul bottone Unsubscribe presente in calce alla email della newsletter. Nel testo della verifica della sottoscrizione, i lettori verranno informati che la loro email finirà nell'elenco della mailing-list della newsletter. Se un lettore non riuscisse a cancellarsi può rivolgersi all'amministratore del sito che lo farà d'ufficio.
    fonte: IpCeI
    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    venerdì 4 maggio 2018

    Le caverne azzurre un magico viaggio attraverso la foresta andina patagonica.

    Alle pareti non ha affreschi o mosaici, ma motivi decorativi creati dall'azione erosiva dell'acqua.

    Eppure la grotta che vedete è stata soprannominata, per la perfezione delle sue lineee e colori, "Marble Cathedral", cattedrale di marmo.

    Questa serie di caverne scolpite nella roccia, secondo molti tra le più suggestive al mondo, si specchia sulle acque del Lago Carrera, in Patagonia.

    L'acqua deve il suo colore azzurro "piscina" al riflesso del cielo cileno e forse anche a un particolare fango che ha origine dai ghiacciai che alimentano il bacino lacustre.

    Gli immissari del lago sono a rischio a causa dell'impatto che potrebbero subire da un sistema di dighe, il cui progetto è attualmente al vaglio del governo cileno.
    Nell'estremo sud del mondo, in Patagonia, c'è uno dei sistemi di grotte più affascinanti al mondo.

    Caverne Azzurre, cattedrali di marmo in Patagonia.


    Nell'estremo sud del mondo, in Patagonia, c'è uno dei sistemi di grotte più affascinanti al mondo.

    Formatesi oltre 6.000 anni fa dalla lenta erosione delle onde del lago sulle pareti di marmo, le caverne riflettono il colore azzurro intenso dell'acqua e cambiano colore a seconda dei livelli dell'acqua e delle stagioni.

    Il Lago Carreras.


    Il lago Buenos Aires/General Carrera si trova in Patagonia ed è suddiviso tra Cile ed Argentina. In Argentina è noto con il nome di lago Buenos Aires, mentre in Cile si chiama lago General Carrera; entrambi i nomi sono riconosciuti a livello internazionale.
    Alle pareti non ha affreschi o mosaici, ma motivi decorativi creati dall'azione erosiva dell'acqua.

    Il lago ha una superficie di 1.850 km², dei quali 970 km² stanno dalla parte cilena (regione di Aysen) mentre i restanti 880 km² si trovano nella provincia di Santa Cruz, che ne fanno il lago più grande del Cile e dell'Argentina. È il secondo lago più grande dell'America meridionale, dopo il lago Titicaca.

    Le grotte più belle del mondo? 


    Forse. Ma se è vero che chiunque le collocherebbe in zona podio, per Linde Waiderhofer non potrebbero che essere sul gradino più alto. Lei, 67enne del Colorado, ambientalista nonché grande fotografa di paesaggio, ne è convinta dal 2003, anno della sua prima visita: il momento in cui letteralmente fell in love con la Cattedrali di Marmo del Lago General Carrera, Patagonia, Cile.

    Prendete un ambiente di per sé unico, un dedalo di caverne di marmo parzialmente riempite d'acqua.

    Aggiungete un lago azzurro come solo l'incredibile blu cobalto del cielo della Patagonia oltre il 45mo grado Sud sa rendere.



    Otterrete uno scenario irreale, dove il "cielo" di marmo e il "livello terra" costituito dalla parte coperta del lago si intrecciano e si fondono in una tavolozza di nuance azzurro-verdi che non ha eguali.

    Il capolavoro si trova non lontano da Coyhaique (aeroporto Coyhaique-Balmaceda, voli interni Lan Chile da Santiago, via Puerto Montt), a circa 2mila chilometri a meridione di Santiago, in una felicissima quanto poco accessibile area, crocevia naturale tra la regione dei grandi laghi, quella dei fiordi e le estreme Ande Patagoniche del Cerro Fitz Roy e delle Torres del Paine.
    Le grotte sono "magiche", come racconta la stessa Linde nel suo libro "Blue Light".

    La vicinanza è relativa: gli ultimi 200 chilometri da Coyhaique al sito sono di duro sterrato, una di quelle strade, tipiche dell'estremo Sud del mondo abitato, che sembrano fatte apposta per trasformare ogni piccolo spostamento in una grande conquista.

    Ma, a quanto pare, ne vale la pena: le grotte sono "magiche", come racconta la stessa Linde nel suo libro "Blue Light". E le sue immagini (Linde Waidehofer/Barcroft Media/Getty Images) sono di quelle capaci di indurre ogni amante del viaggio e della fotografia di paesaggio a sognare di potersi teletrasportare lì all'istante.
    Le caverne azzure un magico viaggio attraverso la foresta andina patagonica.Twitta
    Per scrutare, attraverso la sua SLR, quelle sfumature di verde, azzurro e grigio, per giocare a sua volta con i riflessi, per tentare di catturare forme e curvature con il 24 mm (fotocamere full frame, 16 per le Aps), o magari osare con il 18 o il 16, per trasformare i sinuosi disegni della roccia in pattern con un tele. Nel tentativo di cogliere l'essenza davvero speciale di un paradiso della natura

    Galleria d'Immagini.


    Prendete un ambiente di per sé unico, un dedalo di caverne di marmo parzialmente riempite d'acqua.

    Leggi anche: Cueva de las Manos (Caverna delle Mani), di importanza archeologica e paleontologica.

    Le Grotte di Marmo si trovano a circa 2mila chilometri a meridione di Santiago.
    Il lago Buenos Aires/General Carrera si trova in Patagonia ed è suddiviso tra Cile ed Argentina.












    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    sabato 31 marzo 2018

    Raccolta di ricette argentine di Pasqua facili veloci e sfiziose da portare a tavola.

    Nel periodo pasquale è tradizione preparare diversi rustici e dolci che verranno consumati nel giorno di Pasqua in compagnia di amici e parenti.

    In Argentina, in particolare, la tradizione culinaria (artigianale o industriale) varia da regione a regione.

    Anche se vi sono delle preparazioni di uso comune, per le quali da una regione all'altra variano solo gli ingredienti.

    Meno tradizionali rispetto ai dolci sono i primi piatti di Pasqua, ricchi e sostanziosi, molto apprezzati dopo il digiuno Quaresimale.
    Raccolta di ricette argentine di Pasqua facili veloci e sfiziose da portare a tavola.

    Raccolta di ricette argentine di Pasqua.


    Qui di seguito, una ricca raccolta di ricette di Pasqua con consigli utili sulla preparazione di dolci e rustici.

    Dulce de Leche, da spalmare.
    Il dulce de leche o dolce al latte è un dolce al cucchiaio tipico dell’Argentina e di tutto il Sud America in generale.
    Continua a leggere... >>

    Latte condensato fatto in casa.
    Il latte condensato è un ingrediente molto utilizzato nei paesi del Sud America (in particolare Brasile e Argentina in particolare).
    Continua a leggere... >>


    Churros, un classico di antica data.
    I churros sono dei dolcetti fritti che appartengono alla pasticceria spagnola tradizionale. Molto diffusi in tutto il continente americano.
    Ñoquis caseros.
    Gli ñoquis caseros sono un primo piatto tipico della cucina argentina. Si tratta di un tipo di pasta fatta in casa.
    Empanada de pescado. torta rústica.
    La empanada de pescado è un piatto molto apprezzato e consumato in Argentina, specialmente durante la settimana santa.
    Continua a leggere... >>
    Raccolta di Ricette argentine di Pasqua facili veloci e sfiziose da portare a tavola.Twitta
    Ensaimadas, dolcetti di origini spagnole.
    Le Ensaimadas argentine sono dolcetti preparati con un impasto lievitato a base di farina, acqua, zucchero, uova e strutto di maiale.
    Sorrentinos, ravioli con prosciutto e mozzarella.
    I sorrentinos sono un tipo di pasta ripiena tipica dell’Argentina. Sebbene il nome di questo piatto ricordi in qualche modo la cucina.
    Leggi anche: Chimichurri, ottima salsa di origine argentina da mettere sulle carni.
    Mantecol, barrette alle arachidi.
    Il Mantecol è un dolce che ha molta popolarità in Argentina. Il nome di questa preparazione deriva dal marchio di una azienda dolciaria.

    Il menú argentino di Pasqua.
    In Argentina per Pasqua, per una volta non si mangia carne bovina. Largo al pesce, dunque, anche se oggi è molto costoso.
    Continua a leggere... >>


    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    venerdì 30 marzo 2018

    Il menu argentino di Pasqua: Dulce de Leche ottimo anche da spalmare sul pane fresco.

    Il dulce de leche o dolce al latte è un dolce al cucchiaio tipico dell’Argentina e di tutto il Sud America in generale.

    Il procedimento per farlo in casa è semplicissimo anche se richiede almeno un’ora di cottura sul fornello.

    La presenza del bicarbonato è fondamentale per aumentare la formazione della schiuma (per questo occorre un pentolino grande) che consente al composto di assumere un aspetto e una consistenza più omogenea.

    Il dulce de leche è utilizzato in particolare per guarnire il gelato (fiordilatte e al cioccolato), biscotti e i muffin al cioccolato o per farcire i churros rellenos, ovvero i churros ripieni, una versione ancora più abbondante e golosa, molto diffusa in alcune città spagnole.
    Il dulce de leche o dolce al latte è un dolce al cucchiaio tipico dell’Argentina,




    Il menu argentino di Pasqua.


    Il dulce de leche è ottimo anche da spalmare sul pane fresco o tostato.

    Ingredientes.

    ingredients-green-metallic24x24per 4 persone
    Latte intero 1 l
    Zucchero 280 g
    Bicarbonato 1 cucchiaino

    Leggi anche: Il menù argentino di Pasqua, scopri come preparare deliziose ricette sfiziose!

    Preparazione + Cottura.

    preparacion-green-metallic-24x2460’


    1. Versate il latte in una pentola grande e con i bordi alti e portate a bollore.
    2. Unite anche lo zucchero e il bicarbonato, abbassate la fiamma e mescolate bene con una frusta.
    3. Fate attenzione perché aggiungendo il bicarbonato si forma abbondante schiuma.
    4. Mescolate continuamente per 45 minuti e fate particolare attenzione al composto quando inizia a diventare bruno.
    5. Il dulce de leche è pronto quando si creano delle strisce sul fondo della pentola.
    6. Togliete dal fuoco e mescolate ancora per 5 minuti.

    Curiosità.


    info25x25_thumb_thumb_thumb
    Ci sono diverse versioni storiche sulla nascita del dulce de leche. La più famosa riguarda il caudillo argentino Juan Manuel de Rosas del XIX secolo.

    La storia narra che in un pomeriggio d'inverno, a casa di de Rosas, la domestica stesse preparando della lechada (una bevanda a base di latte e zucchero fatta bollire fino a caramellarsi) quando sentì bussare alla porta.
    Il menu argentino di Pasqua: Dulce de Leche ottimo anche da spalmare sul pane fresco o tostato.Twitta
    Lasciò la lechada sul fornello e andò ad aprire; quando tornò in cucina, la lechada si era cotta fino a trasformarsi in una crema marrone: il dulce de leche.

    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    Il menu argentino di Pasqua: Latte condensato fatto in casa perfetto per cucinare un ciambellone.

    Il latte condensato è un ingrediente molto utilizzato nei paesi del Sud America (in particolare Brasile e Argentina in particolare), come preparazione per confezionare torte, dolci al cucchiaio e creme.

    Si tratta di latte che può essere conservato molto a lungo, perché durante il processo di lavorazione è sottratta tutta l’umidità.

    Questo ingrediente è perfetto per cucinare un ciambellone oppure i brigadeiro, ovvero i tartufi al cioccolato brasiliani.

    Latte condensato fatto in casa perfetto per cucinare un ciambellone.

    Latte condensato fatto in casa.

    In questa ricetta è proposto un metodo molto veloce per il latte condensato fatto in casa: la presenza dello zucchero a velo consente infatti al latte di addensare in dieci minuti, anziché un’ora.

    Ingredienti.

    ingredients-green-metallic24x24per 4 persone
    Latte 250 ml
    Zucchero a velo 200 g
    Burro 25 g
    Il menu argentino di Pasqua: Latte condensato fatto in casa perfetto per cucinare un ciambellone.Twitta
    Leggi anche: Il menù argentino di Pasqua, scopri come preparare deliziose ricette sfiziose!

    Preparazione.

    preparacion-green-metallic-24x2415’
    • Versate il latte, lo zucchero a velo e il burro in un pentolino dal fondo spesso e i bordi alti.
    • Portate a bollore mescolando continuamente il composto.

    Cottura.

    cottura-green-metallic-24x24  10’-15’
    • Fate cuocere a fuoco basso per 10-15 minuti continuando a mescolare con un cucchiaio di legno.
    • Fate raffreddare il latte che in questo modo si addensa.
    • Versate in un vasetto quando e freddo e conservate in frigorifero.

    Curiosità.

    info25x25_thumb_thumb_thumb
    Come avviene anche in Italia per le ricette tradizionali, ogni zona ha la propria variante e non è raro trovare ricette in cui è prevista l’aggiunta all’impasto di formaggio spalmabile o di uova.



    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    Il menu argentino di Pasqua: Churros, un classico di antica data sono sempre accompagnati con bevande calde.

    I churros sono dei dolcetti fritti che appartengono alla pasticceria spagnola tradizionale.

    Molto diffusi in tutto il continente americano, questi dolci sono accompagnati in vario modo: in Messico e Brasile, una volta cotti, sono spolverizzati con un mix di zucchero e cannella in polvere mentre in Argentina e Cile si possono mangiare con il dulce de leche (dolce di latte).

    In ogni caso, l’impasto resta sempre quello semplice e tradizionale a base di farina, acqua, zucchero e sale.

    Churros, un classico di antica data sono sempre accompagnati con bevande calde, cioccolata o caffè.

    Churros, un classico di antica data.

    I churros possono essere serviti a colazione o merenda e sono sempre accompagnati con bevande calde, cioccolata o caffè.



    ingredients-green-metallic24x24per 4 persone
    Farina 00 350 g
    Acqua 1/2 l
    Sale 1 cucchiaino
    Zucchero 35 g
    Cannella in polvere 1/2 cucchiaino
    Olio di semi Quanto basta

    Leggi anche: Il menù argentino di Pasqua, scopri come preparare deliziose ricette sfiziose!

    Preparazione.

    preparacion-green-metallic-24x2420’ + 10’ di riposo
    • Mettete in una pentola l'acqua, il sale e 1 cucchiaino di zucchero.
    • Portate a ebollizione e togliete dal fuoco.
    • Versate la farina a pioggia e mescolate velocemente con un cucchiaio di legno, l'impasto diventerà molto denso e un po' duro da lavorare, ma continuate a mescolare per 2-3 minuti.
    • Coprite con un canovaccio e lasciate intiepidire.
    • Riprendete l'impasto e riempite un sac à poche con punta a forma di stella.
    • Ricoprite il piano di lavoro con la carta da forno e confezionate i churros di 15 cm di lunghezza.
    • Punzecchiateli con una forchetta per evitare che l'impasto si gonfi e si rompa durante la frittura.

    Cottura.

    cottura-green-metallic-24x24  10’
    • Versate abbondante l'olio di semi in una padella con i bordi alti e portatelo a temperatura.
    • Friggete i churros pochi alla volta e, una volta pronti, lasciateli scolare sulla carta paglia.
    • Fate attenzione perché il tempo di cottura varia in base allo spessore dei churros che devono essere molto croccanti fuori e morbidi all'interno.
    • Mescolate il restante zucchero semolato e la cannella in polvere.
    • Spolverizzate i churros con questa miscela e servite subito.
    • Accompagnate con una tazza di coccolato caldo.
    Il menu argentino di Pasqua: Churros, un classico di antica data sono sempre accompagnati con bevande calde.Twitta

    Curiosità.

    info25x25_thumb_thumb_thumb
    Come avviene anche in Italia per le ricette tradizionali, ogni zona ha la propria variante e non è raro trovare ricette in cui è prevista l’aggiunta all’impasto di formaggio spalmabile o di uova.

    Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:
    rss-icon-feed_thumb2_thumb_thumb3
    2

    Ultimi articoli pubblicati

    Recent Posts Widget

    Post più popolari

    Etichette

    Argentina Tour in Facebook

    Ultimi posts pubblicati

    Archivio

    Argentina Tour in Pinterest

    I miei preferiti in Instagram

    Donazione

    Mi Ping en TotalPing.com