mordillo, fumetti, cartoon, artista grafico argentina, gastronomia, asado, ricette, cucina, pasteles, empanadas polo, sport, argentina, cavalli, maza, coronel suarez, santa ana, las tortugas treno alle nuvole, salta, jujuy, nord argentino, montagne, bolivia iguazu, cascate, argentina, brasile, unesco, mervaiglie del mondo, parchi nazionali tango, ballo, argentina, musica jujuy, argentina, valles calchaquies, purmamarca, cerro 7 colores, humahuaca chubut, patagonia, argentina, pensinsula valdes, balene, foche, elefanti marini, otarie, pinguini locro, gastronomia, argentina, cibi, ricette, cucina catamarca, argentina, nordovest, montagne

Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ Seguimi in Stumbleupon Seguimi in Instagram Seguimi in FlickR Sottoscrivi il feed

sabato 17 marzo 2012

Chaco conosciuta con il soprannome di “la città delle sculture”, per via della grande quantità di opere d’arte seminate per le strade.

La provincia di Chaco è un territorio situato al nord del paese e appartiene alla Pianura Platense. Il suo capoluogo è Resistencia e dista da Buenos Aires di 1.020 km. Ivi abitano 480.000 abitanti.

Conosciuta con il soprannome di “la città delle sculture”, per via della grande quantità di opere d’arte seminate per le strade e le piazze della città, tutte in legno, bronzo e marmo combinate con i bellissimi murali di rinomati artisti.

Chaco possiede due grandi regioni ben diverse: quella orientale, umida e di terre basse e quella occidentale, dai terreni salnitrosi e la vegetazione xerofila.

Il Chaco è una destinazione turistica quasi vergine, seminata di lagune, pantani e potenti fiumi ed offre l'ambito ideale per godere della natura e scoprire specie d’animali autoctoni in pericolo d’estinzione.

Si possono realizzare fantastiche spedizioni a siti d’ammagliante bellezza naturale come il rinomato Impenetrable, uno dei monti più lussureggianti (particolare già noto da suo nome), una delle zone più vergini del paese. Altri siti che meritano la pena visitare sono El campo del Cielo, un’estensione seminata di meteoriti di oltre 6000 anni d’antichità, La isla del Cerrito, in cui si possono praticare attività all'aria libera o Il parco nazionale Chaco, culla dell'avventura e vitalità della natura allo stato puro.

D’altra parte, la cultura aborigene dei Wichis, Mocovíes e Tobas permane nel tempo e vive in piccole riserve nelle quali si possono apprezzare i bei pezzi d’artigianato fatti con materie prime e con tecniche che datano da centinaia d’anni fa. La pregiata combinazione di natura imponente e ricchezza culturale antica, rende questa provincia in un’attraente destinazione turistica da non perdere.



 
Ricerca personalizzata






Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:



Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!!

1 commento:

  1. Da visitare: El Impenetrable.
    El Impenetrable è una grande regione vergine di 6.000.000 di ettari situata nella pianura del Chaco occidentale, nel nord-ovest della provincia del Chaco, in Argentina. Comprende anche parte delle province di Salta, di Santiago del Estero e di Formosa. È delimitata dal Río Teuco, e dal Bermejo e attraversata dal Bermejito.

    A centro dell'Impenetrable si trova un parco protetto, il "Parque Provincial Loro Hablador" (o Parco provinciale del Pappagallo parlante), specie di guacamayo sudamericano.

    Nell'Impenetrable sono presenti alberi duri e molte piante spinose, dei grandi cactus arborescenti del genere Cereus, molto ramificati che superano i tre metri di altezza. Vi crescono anche liane e diversi generi di orchidee. Degli alberi come il quebracho colorato e bianco, il Prosopis nigra (algarrobo nero) e Prosopis alba (algarrobo bianco), il palo santo, l'urunday della famiglia delle Anacardiaceae, il prosopis kuntzei o ítin, il "guayacán" (sia il tabebuia della famiglia delle Bignoniaceae sia il Caesalpinia) della famiglia della Fabaceae, il palo borracho, qualche butia yatay della famiglia delle Arecaceae, delle acacie come pure dei frassini.

    Per chi è interessato cliccare qui per avere più informazioni sul'Impenetrable.

    RispondiElimina

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Ultimi articoli pubblicati

Recent Posts Widget

Post più popolari

Etichette

Argentina Tour in Facebook

Ultimi posts pubblicati

Archivio

Argentina Tour in Pinterest

Donazione

Mi Ping en TotalPing.com