mordillo, fumetti, cartoon, artista grafico argentina, gastronomia, asado, ricette, cucina, pasteles, empanadas polo, sport, argentina, cavalli, maza, coronel suarez, santa ana, las tortugas treno alle nuvole, salta, jujuy, nord argentino, montagne, bolivia iguazu, cascate, argentina, brasile, unesco, mervaiglie del mondo, parchi nazionali tango, ballo, argentina, musica jujuy, argentina, valles calchaquies, purmamarca, cerro 7 colores, humahuaca chubut, patagonia, argentina, pensinsula valdes, balene, foche, elefanti marini, otarie, pinguini locro, gastronomia, argentina, cibi, ricette, cucina catamarca, argentina, nordovest, montagne

Seguimi in Twitter Seguimi in Facebook Seguimi in Pinterest Seguimi in LinkedIn Seguimi in Google+ Seguimi in Stumbleupon Seguimi in Instagram Seguimi in FlickR Sottoscrivi il feed

sabato 26 aprile 2014

Sulla Puna argentina un pò più in là di dove arrivano gli altri.

Ho scoperto un posto meraviglioso, questa estate, con un viaggio unico, emozionante.

Nel nord-ovest dell’Argentina, oltre la pur bellissima Quebrada de Humahuaca, con gli incredibili colori delle montagne, e le valli Calchaquies, con i cactus giganteschi e i vigneti, oltre Salta la linda.

E’ la Puna argentina, un altopiano magico che, come un gigante pigro, si sdraia tra i 3.600 e i 4.000 metri di altitudine, tra vulcani neri e picchi innevati, più alti di 6 mila metri.

Molti conoscono gli incredibili scenari del deserto di Atacama, in Cile, o del salar di Uyuni, in Bolivia, ma quasi nessuno conosce la Puna argentina, che con loro confina, ma che ha aspetti ancora più spettacolari e soprattutto regala l’incredibile privilegio dell’assoluta solitudine, intere giornate senza incrociare nessuno, rifugi di montagna senza altri ospiti oltre a te.

La sensazione di essere in un posto unico, di partecipare a un’avventura esclusiva.
puna_mapa
Elenco momenti, immagini ed emozioni che non dimenticherò: la luce, innanzitutto, sempre così viva e limpida; il sentirsi così vicini al cielo, con le nuvole che salgono dal basso, all’orizzonte; l’aria frizzante, che ha un sapore diverso; l’impossibilità di abbracciare tutto l’infinito con un unico sguardo; i colori, sempre diversi, mille sfumature di nero e grigio, mille sfumature di giallo e ocra; il sole al tramonto che illumina le case di adobe del paesino di El Penon e poi accende d’oro le montagne sullo sfondo; i bambini delle Ande che giocano con una carriola arrugginita e il mio bambino, privilegiato e un po’ malatino, che li guarda con distacco; il tepore della stufa a legna, mentre fuori il vento fischia orgoglioso e il termometro segna qualche grado meno dello zero; la pista di terra, dritta verso l’infinito.

Sebastian non sembra una guida, ma un vecchio compagno di viaggi e avventure: porta la Toyota fuori dalle piste, sulle rocce nere delle pendici dei vulcani, sulle dune di sabbia, tra le rocce di pietra pomice, a cercare i fenicotteri nelle lagune verdi, o sull’immensità bianco abbagliante del Salar del Hombre Muerto, orientandosi con il sole, la croce del sud e, all’occorrenza, l’indispensabile satellitare. Un saluto alle vigogne che scappano veloci e uno alla madre terra Pachamama.Foto della Puna in Argentina
In un posto così non ci si va da soli, serve un aiuto, un supporto logistico. Sulla puna, allora, si va con Socompa (Socompa Puna Adventure Travel, per essere precisi), agenzia viaggi di Salta, inventata da Fabrizio Ghilardi, milanese che, folgorato sulla via per Tolar Grande, la sua Damasco, ha mollato la Milano degli affari per vivere più vicino al cielo, come se tutto fosse sempre un’avventura. La base è la Finca Valentina, appena fuori Salta, la casa di campagna trasformata da Valentina, la moglie di Fabrizio, in un luogo di semplicità e raffinata eleganza, dove l’atmosfera è davvero familiare e l’accoglienza unica.

Ma è su a 3600 metri, a El Penon, nel mezzo del deserto della puna, tra una mezza dozzina di case di adobe e pochi pioppi piantati e accuditi con amore (qui li chiamano oasi), che sorge la “hosteria de altura”, che Socompa ha in concessione e trasforma in un altro luogo indimenticabile. 

Qui ci si ferma, e da qui si parte per l’avventura, verso il Campo di Piedra Pomez, dove le rocce bianche e arancioni di pietra pomice ti fanno sentire in un’altra dimensione, dove le onde di roccia ti fanno perdere il senso dello spazio e del tempo; verso il vulcano Carachi Pampa e la Laguna Grande; verso Antofagasta de la Sierra e, i più fortunati, verso gli scenari irreali di Tolar Grande e il cono di Arita, che si erge, nero e solitario, nella piana desertica, in un mondo di fantasmi. 

Quasi un posto di rimpianti, prima ancora di esserne venuti via, prima ancora di pensare di tornarci. Con quel certo senso di leggerezza, quella certa soddisfazione, di sapere di essere andati un po’ più in là di dove arrivano gli altri.
DSC_1362  DSC_1379 DSC_1365 DSC_1342 DSC_1341 DSC_1334  DSC_1530 DSC_1534 DSC_1540 DSC_1438  DSC_1607  DSC_1383 DSC_1542 DSC_1508 DSC_1360 DSC_1372 DSC_1543  DSC_5575  DSC_5561
Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!!

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.

Ultimi articoli pubblicati

Recent Posts Widget

Post più popolari

Etichette

Argentina Tour in Facebook

Ultimi posts pubblicati

Archivio

Argentina Tour in Pinterest

I miei preferiti in Instagram

Donazione

Mi Ping en TotalPing.com